Categoria: Calcio

Dal numero 10 di Maradona al 10 di Messi. LA STORIA È RISCRITTA: ARGENTINA CAMPIONE DEL MONDO!

Il 18 Dicembre 2022, allo Stadio Iconico di Lusail di Doha davanti a circa 90.000 spettatori, si sono affrontate ARGENTINA e FRANCIA (quest’ultima detentrice del Trofeo e alla seconda Finale consecutiva) nella 22esima Finale della Coppa del Mondo di Calcio.

Non è solo una disputa fra ARGENTINA-FRANCIA ma c’è anche una partita nella partita: quella fra due straordinari e più forti calciatori del panorama calcistico mondiale. Da una parte Lionel Messi, al quale manca solo “quella Coppa” per coronare una Straordinaria Carriera e raggiungere il Suo Idolo nell’Olimpo Massimo del Calcio Argentino. Dall’altra Kylian Mbappé, un “ragazzino terribile” (24 anni da compiere), una Straordinaria Carriera da continuare, a scrivere una Coppa del Mondo già alzata nel 2018 in Russia e un possibile “bis” che sa davvero di Grande Storia.

La Storia di queste due Squadre al Mondiale.

ARGENTINA

Fase a gironi. Parte sicuramente con i “favori” del pronostico, ma comincia il Suo cammino, nel Girone C, in sordina. Infatti, nella gara di esordio, viene sconfitta dall’Arabia Saudita per 2-1. Nelle successive 2 giornate, batte sia il Messico che la Polonia con un identico risultato (2-0) e si qualifica da Prima, con 6 Punti, alla fase successiva.

Fase ad eliminazione diretta. Negli Ottavi di Finale, batte l’Australia (2-1); nei Quarti di Finale supera i Paesi Bassi, dopo i calci di rigore (4-3), dopo essere stati rimontati da 2-0 a 2-2, risultato finale nei tempi regolamentari. In Semifinale supera, con un netto 3-0, i vice Campioni del Mondo della Croazia, raggiungendo così la Finale Mondiale, per la sesta volta.

FRANCIA

Fase a gironi. Parte con i “favori” del pronostico e da Campione in carica. Il Suo cammino, nel Girone D, comincia nella gara di esordio con una netta vittoria sull’Australia, per 4-1. Nelle successive 2 giornate, batte la Danimarca (2-1) e viene sconfitta dalla Tunisia per 0-1. Si qualifica da Prima (maggior differenza reti con l’Australia) con 6 Punti alla fase successiva.

Fase ad eliminazione diretta: Negli Ottavi di Finale batte nettamente la Polonia (3-1); nei Quarti di Finale supera l’Inghilterra (2-1). In Semifinale supera, con un netto 2-0, la “Favola Mondiale” Marocco raggiungendo, così, la Finale Mondiale per la quarta volta e la seconda consecutiva per tentare la “Storico BIS”.

FINALE ARGENTINA-FRANCIA

FORMAZIONI IN CAMPO:

ARGENTINA (Modulo 4-3-3): Martinez – Molina; Romero; Otamendi; Tagliafico – de Paul; Fernández; Mac Allister – Messi (Capitano); Alvarez; Di Maria. Allenatore Scaloni.

FRANCIA (Modulo 4-2-3-1): Lloris (Capitano) – Koundé; Varane; Upmecano; T. Hernandez – Tchouaméni; Rabiot – Dembélé; Griezmann; Mbappé – Giroud. Allenatore Deschamps.

L’attesa è finita! Squadre in campo, Inni Nazionali e si comincia. In una Bellissima atmosfera, ci attende una Grande Finale Mondiale che, effettivamente, non ci deluderà, ma andiamo per ordine.

Comincia bene e forte l’Argentina e dopo 23 minuti, va in vantaggio grazie ad un rigore procurato da un assoluto protagonista Di Maria e realizzato da Messi. 1-0!

L’Argentina domina e a seguito di una bellissima azione corale, cominciata “manco a dirlo” dal solito Messi, finalizza con il gol del 2-0 l’assist di Mac Allister, l’altro fenomeno in campo Di Maria.

Dunque, 2-0 al termine del Primo Tempo, con solo una squadra in campo. Ci sarà ancora “partita” nella ripresa? Preparatevi…

Nel Secondo Tempo l’Argentina abbassa i ritmi della gara e la Francia prende un po’ di campo e, come si sa, arriva l’episodio. Al minuto 80, per un fallo subito in area da Kolo Muani, ecco il rigore per la Francia. Dal dischetto si presenta un “freddo” Mbappé, ed è gol: 2-1! Un minuto dopo, su assist di Thuram, ancora Lui… ancora Mbappé, pareggia la gara con un gol in sforbiciata: 2-2!

C’è stata partita… una girandola di emozioni nei 90 minuti regolamentari, ma non basta per decretare il Campione! Risultato Finale, al termine dei Tempi regolamentari, 2-2.

Arrivano i supplementari e ancora i “Grandi Protagonisti annunciati”, la fanno da PADRONI ASSOLUTI! Il 10 argentino (Messi) al minuto 108, dopo un tiro di Lautaro Martinez parato Lloris, ribadisce in rete il gol del 3-2 e si prende la Coppa? No, perché “i protagonisti”, quindi al minuto 118, il 10 francese (Mbappé) calcia in area di rigore e il suo tiro è fermato, con la mano, da Montiel. Rigore per laFrancia. Mbappé, al secondo rigore nella Finale nonostante il pallone “pesi molto”, non può sbagliare. Infatti è gol: è 3-3!

E’ finita? NO……a pochi secondi dalla fine, il portiere argentino Martinez evita l’ultima palla gol alla Francia sui piedi di Kolo Muani e manda le due squadre ai calci di rigore, per la terza volta nella Storia dopo il 1994 e il 2006.

Risultato Finale, al termine dei Tempi supplementari, 3-3.

Si va ai rigori e, da sorteggio, si tira sotto la curva Argentina: comincia la Francia.

  • Mbappé (al terzo rigore nella partita) GOL! 0-1 Francia
  • Messi GOL! 1-1
  • Coman PARATO! si resta 1-1
  • Dybala GOL! 2-1 Argentina
  • Tchouaméni FUORI! si resta 2-1 Argentina
  • Paredes GOL! 3-1 Argentina
  • Muani GOL! 3-2 Argentina
  • Montiel GOL! 4-2 Argentina

Montiel segna il rigore decisivo! Argentina infallibile dal dischetto! Il Cielo è Albiceleste nella notte di Doha: l’Argentina è Campione del Mondo!!!

Finalmente Lionel Messi corona il Suo Sogno e dopo 36 anni da Diego Armando Maradona, riporta l’Argentina e il suo Popolo sul tetto del Mondo per la Terza Volta nella Sua Storia!!! ARGENTINA: 1978-1986-2022.

Per la statistica:

Messi – MVP della Finale e Miglior Giocatore dell’Edizione (Primo calciatore nella Storia a vincere questo premio, per la Seconda Volta dopo quella del 2014).

Mbappé – realizza una tripletta, automaticamente si laurea Capocannoniere dell’edizione del Mondiale 2022 con 8 gol e diventa il secondo giocatore a segnare 3 gol in una Finale di un Campionato del Mondo, dopo Geoff Hurst nel 1966. Grazie alla rete segnata nella Finale 2018 diventa il giocatore ad avere segnato, in assoluto, più reti in una Finale Mondiale: 4!

Riportiamo di seguito tutte le partite, dai Gironi alla Finale, con tutti i risultati del Torneo:

Gruppo A: QATAR – PAESI BASSI – ECUADOR – SENEGAL

Risultati:

QUATAR-ECUADOR 0-2

SENEGAL-PAESI BASSI 0-2

QUATAR-SENEGAL 1-3

PAESI BASSI-ECUADOR 1-1

ECUADOR-SENEGAL 1-2

Classifica:

PAESI BASSI PUNTI 7

SENEGAL PUNTI 6

ECUADOR PUNTI 4

QATAR PUNTI 0

PAESI BASSI-QATAR 2-0

Si qualificano: PAESI BASSI e SENEGAL

Gruppo B: INGHILTERRA – GALLES – STATI UNITI – IRAN

Risultati:

INGHILTERRA-IRAN 6-2

STATI UNITI-GALLES 1-1

GALLES-IRAN 0-2

INGHILTERRA-STATI UNITI 0-0

GALLES-INGHILTERRA 0-3

Classifica:

INGHILTERRA PUNTI 7

STATI UNITI PUNTI 5

IRAN PUNTI 3

GALLES PUNTI 1

IRAN-STATI UNITI 0-1

Si qualificano: INGHILTERRA e STATI UNITI

Gruppo C: ARGENTINA – ARABIA SAUDITA – MESSICO – POLONIA

Risultati:

ARGENTINA-ARABIA SAUDITA 1-2

MESSICO-POLONIA 0-0

POLONIA-ARABIA SAUDITA 2-0

ARGENTINA-MESSICO 2-0

POLONIA-ARGENTINA 0-2

ARABIA SAUDITA-MESSICO 1-2

Classifica:

ARGENTINA PUNTI 6

POLONIA PUNTI 4

MESSICO PUNTI 4

ARABIA SAUDITA PUNTI 3

Si qualificano: ARGENTINA e POLONIA

Gruppo D: FRANCIA – AUSTRALIA – DANIMARCA – TUNISIA

Risultati:

DANIMARCA-TUNISIA 0-0

FRANCIA-AUSTRALIA 4-1

TUNISIA-AUSTRALIA 0-1

FRANCIA-DANIMARCA 2-1

AUSTRALIA-DANIMARCA 1-0

TUNISIA-FRANCIA 1-0

Classifica:

FRANCIA PUNTI 6

AUSTRALIA PUNTI 6

TUNISIA PUNTI 4

DANIMARCA PUNTI 1

Si qualificano: FRANCIA e AUSTRALIA

Gruppo E: SPAGNA – COSTA RICA – GERMANIA – GIAPPONE

Risultati:

GERMANIA-GIAPPONE 1-2

SPAGNA-COSTA RICA 7-0

GIAPPONE-COSTA RICA 0-1

SPAGNA-GERMANIA 1-1

GIAPPONE-SPAGNA 2-1

COSTA RICA-GERMANIA 2-4

Classifica:

GIAPPONE PUNTI 6

SPAGNA PUNTI 4

GERMANIA PUNTI 4

COSTA RICA PUNTI 3

Si qualificano: GIAPPONE e SPAGNA

Gruppo F: BELGIO – CANADA – MAROCCO – CROAZIA

Risultati:

MAROCCO-CROAZIA 0-0

BELGIO-CANADA 1-0

BELGIO-MAROCCO 0-2

CROAZIA-CANADA 4-1

CROAZIA-BELGIO 0-0

CANADA-MARCOCCO 1-2

Classifica:

MAROCCO PUNTI 7

CROAZIA PUNTI 5

BELGIO PUNTI 4

CANADA PUNTI 0

Si qualificano: MAROCCO e CROAZIA

Gruppo G: BRASILE – SERBIA – SVIZZERA – CAMERUN

Risultati:

SVIZZERA-CAMERUN 1-0

BRASILE-SERBIA 2-0

CAMERUN-SERBIA 3-3

BRASILE-SVIZZERA 1-0

SERBIA-SVIZZERA 2-3

CAMERUN-BRASILE 1-0

Classifica:

BRASILE PUNTI 6

SVIZZERA PUNTI 6

CAMERUN PUNTI 4

SERBIA PUNTI 1

Si qualificano: BRASILE e SVIZZERA

Gruppo H: PORTOGALLO – GHANA – URUGUAY – COREA DEL SUD

Risultati:

URUGUAY-COREA DEL SUD 0-0

PORTOGALLO-GHANA 3-2

COREA DEL SUD-GHANA 2-3

PORTOGALLO-URUGUAY 2-0

GHANA-URUGUAY 0-2

COREA DEL SUD-PORTOGALLO 2-1

Classifica:

PORTOGALLO PUNTI 6

COREA DEL SUD PUNTI 4

URUGUAY PUNTI 4

GHANA PUNTI 3

Si qualificano: PORTOGALLO e COREA DEL SUD

OTTAVI DI FINALE:

PAESI BASSI-STATI UNITI 3-1

ARGENTINA-AUSTRALIA 2-1

FRANCIA-POLONIA 3-1

INGHILTERRA-SENAGAL 3-0

– GIAPPONE-CROAZIA 1-1 (1-3 d.c.r)

BRASILE-COREA DEL SUD 4-1

MAROCCO-SPAGNA 0-0 (3-0 d.c.r)

QUARTI DI FINALE:

CROAZIA-BRASILE 0-0 (1-1 d.t.s.) (4-2 d.c.r.)

– PAESI BASSI-ARGENTINA 2-2 (3-4 d.c.r.)

MAROCCO– PORTOGALLO 1-0

– INGHILTERRA-FRANCIA 1-2

SEMIFINALE:

ARGENTINA-CROAZIA 3-0

FRANCIA-MAROCCO 2-0

FINALE (3°-4° POSTO)

– CROAZIA-MAROCCO 2-1

3a Classificata CROAZIA

FINALE (1°-2° POSTO)

– ARGENTINA-FRANCIA 2-2 (3-3 d.t.s) (4-2 d.c.r.)

1a classificata e Campione del Mondo:  ARGENTINA

2a Classificata FRANCIA

I Mondiali Qatar 2022, vanno in archivio. Sicuramente ci ricorderemo: dell’Argentina di Messi; dei 3 gol in Finale di Mbappé; del sorprendente Marocco, prima formazione africana nella Storia dei Mondiali capace di arrivare fino alla Semifinale; delle imprese del Giappone, inserito nel girone con le “quotate” Spagna e Germania, battendole entrambe in rimonta, dopo essere andato sotto ed eliminando proprio i tedeschi dalla manifestazione.

Ringrazio tutti e… Ci vediamo tra 4 anni Mondiali!!

Buon ritorno alla Nostra Amata Serie A!

Marco Migliorini

Fonte articolo “L’esodo Magazine” https://www.esodo.info/

La partenza dei MONDIALI!

Finalmente sono partiti i tanto discussi (lo diciamo e sappiamo), senza la Nostra Amata Nazionale di Calcio Italiana, Campionati Mondiali di calcio 2022 (o Coppa del Mondo FIFA Qatar 2022).

La manifestazione iridata si svolge, per la prima volta nella Storia dei Mondiali, in Qatar e non viene disputata nei mesi di Giugno e Luglio, come da tradizione, ma dal 20 Novembre 2022 al 18 Dicembre 2022. È l’ultima edizione del Torneo a prevedere la partecipazione di 32 nazionali, poiché dal 2026 il mondiale verrà esteso a 48 squadre.

La Nazionale Campione del Mondo in carica, come tutti sappiamo è la Francia, dopo aver vinto i precedenti Campionati Mondiali per 4-2 contro la Croazia.

Il 24 Febbraio 2022 la FIFA e l’UEFA – vista l’invasione russa dell’Ucraina – escludono da tutte le competizioni calcistiche Internazionali, compreso il Mondiale, la Nazionale Russa (giusto ricordarlo). Come dicevamo, 32 squadre con la Fase a gironi che è composta da 8 gruppi (A-B-C-D-E-F-G-H) da 4 squadre.

Si qualificano alla fase ad eliminazione diretta, come al solito gara unica e in caso di parità al termine dei 90 minuti regolamentari eventuali Tempi Supplementari e Calci di rigore, le prime due Nazionali di ogni raggruppamento.

Gruppo A:
QATAR – PAESI BASSI – ECUADOR – SENEGAL

Gruppo B:
INGHILTERRA – GALLES – STATI UNITI – IRAN

Gruppo C:
ARGENTINA – ARABIA SAUDITA – MESSICO – POLONIA

Gruppo D:
FRANCIA – AUSTRALIA – DANIMARCA – TUNISIA

Gruppo E:
SPAGNA – COSTA RICA – GERMANIA – GIAPPONE

Gruppo F:
BELGIO – CANADA – MAROCCO – CROAZIA

Gruppo G:
BRASILE – SERBIA – SVIZZERA – CAMERUN

Gruppo H:
PORTOGALLO – GHANA – URUGUAY – COREA DEL SUD

Alle ore 15.30 del 20 Novembre 2022 allo stadio Al Bayt, si parte la cerimonia inaugurale di apertura di Qatar 2022, che è creata dall’italiano Marco Balich, con la Fifa che ci tiene a dire che questa cerimonia è “un raduno per tutta l’umanità e serve per colmare le differenze tra le persone favorendone il rispetto e l’inclusione”.

Da ricordare l’inizio dove l’attore americano Morgan Freeman, al centro dello Stadio, comincia un dialogo con ragazzo famoso qatariota disabile, con il pubblico che ascolta in silenzio e centinaia di piccole luci accese sulle tribune. Successivamente, canti, coreografie e portate, dagli sbandieratori della Federazione Italiana, arrivano le bandiere di tutte le 32 squadre partecipanti. Ogni squadra viene evocata da un canto o da un coro dei personaggi in scena e gruppi di tifosi, della squadra chiamata in causa, salutano esultando sulle tribune. Poi, al centro del campo, arrivano tutte le mascotte delle passate edizioni dei Mondiali di Calcio, fra cui il Nostro Ciao di Italia ’90.

Il cantante sudcoreano Jungkook e il qatarino Fahad Al Kubaisi, hanno intonato insieme l’inno di Qatar 2022, “La’eeb“, parola che indica “il giocatore” in arabo.

Finalmente il giorno che tutti aspettavamo è arrivato, abbiamo lavorato duramente per allestire un Torneo di successo: così l’emiro del Qatar, Tamim bin Hamad Al Thani, in discorso dove dice anche di mettere da parte le divisioni, dando ufficialmente il Benvenuto alla Coppa del Mondo e aprendo ufficialmente i mondiali 2022.

La cronaca calcistica dice che nella gara inaugurale del Torneo per il Gruppo A Fase a gironi, ci sono “2 Prime Volte” nella Storia dei Mondiali di calcio:

  • la Nazionale ospitante i padroni di casa del Qatar perde la gara d’esordio, venendo sconfitta per 2-0 dall’Ecuador;
  • l’Equador vince, con il primo gol della gara segnato su calcio di rigore.

Entrambe le reti nel primo tempo, dall’assoluto protagonista Enner Valencia che, prima di segnare (su rigore e di testa) si vede anche annullare un gol per fuorigioco. I sudamericana in controllo della gara nella ripresa e padroni casa davvero inconsistenti.

Ringrazio tutti e… purtroppo senza l’Italia vinca il migliore Buon Mondiale!

Marco Migliorini

Fonte articolo “L’esodo Magazine” https://www.esodo.info/

Il Campionato va in pausa con l’Orchestra Perfetta NAPOLI in testa!

Il racconto del Campionato di Serie A prosegue con l’analisi delle successive ed ultime 4 giornate del girone d’andata (dalla numero 12 alla numero 15) prima della sosta per i Mondiali in Qatar, che partiranno dal 20 Novembre 2022 dove, come già tristemente sappiamo saremmo, come Italia, solo spettatori.

Regina indiscussa e in vetta alla Classifica del Campionato con 8 punti di vantaggio sulla seconda, è il NAPOLI; guidata dal tecnico Luciano Spalletti che ha fatto, fino ad ora, qualcosa di straordinario, impensabile ed è, con quella della quindicesima giornata, alla sua undicesima vittoria di fila!!  Ma partiamo con il racconto.

12° GIORNATA

Nella giornata numero 12, il Napoli, dopo il successo a Roma, domina e vince ancora (4-0), in casa contro il Sassuolo. Non c’è molto da dire.

Il Milan, invece, viene battuto in trasferta (2-1) dal “Vecchio Cuore Granata”, il Torino. I cugini dell’Inter, si impongo agevolmente, in casa (3-0), sulla Sampdoria. Per i nerazzurri, quarta vittoria consecutiva. Vincono in trasferta: l’Atalanta ad Empoli (0-2); la Roma (1-3) in rimonta nel finale a Verona e la Juventus (0-1) a Lecce. Perde in casa (1-3) la Lazio con la Salernitana. Importanti, i successi fuori casa (1-2), della Fiorentina e del Bologna, rispettivamente contro lo Spezia e il Monza. Unico 0-0 di giornata, quello tra Cremonese e Udinese.

13° GIORNATA

Big-match alla giornata numero 13. Il Napoli, dopo essere andato sotto per un rigore di Lookman, ribalta e vince (1-2), accade tutto nel primo tempo, contro l’Atalanta consolidando la vetta.

La Lazio, grazie ad una “leggerezza” di Ibanez, con rete siglata da Felipe Anderson, si impone (0-1) nel Derby contro la Roma. Per la Lazio, è il terzo gol di Anderson che eguaglia Hernanes al primo posto dei migliori marcatori brasiliani.

La Juventus, con un grandissimo secondo tempo, per la prima volta in stagione vince uno scontro diretto, imponendosi (2-0) contro l’Inter nel “Derby d’Italia”, scavalcandola in classifica.

Nel racconto delle gare che completano la giornata, nella parte alta della Classifica, torna al successo il Milan, in casa (2-1) sullo Spezia. Vincono, sempre in casa: il Bologna sul Torino (2-1); l’Empoli sul Sassuolo (1-0); il Monza sul Verona (2-0). Vince, fuori casa (0-2), la Fiorentina a Genova, contro la Sampdoria. Completano il quadro, i pareggi tra Udinese e Lecce (1-1) e tra Salernitana e Cremonese (2-2).

14° GIORNATA

Nella giornata numero 14 (turno infrasettimanale) priva di partite di “cartello”, si comincia con solita vittoria del Napoli sull’Empoli (2-0) e con i pareggi (1-1) dello Spezia con l’Udinese e (0-0) del Milan a Cremona, con la Cremonese. Si prosegue con il pareggio della Roma (1-1) sul campo del Sassuolo e a sorpresa, con la vittoria “pesante” del Lecce, (2-1) in casa sull’Atalanta.

Vincono in casa, la Fiorentina (2-1) sulla Salernitana e il Torino (2-0) sulla Sampdoria. L’Inter, dopo essere passata in svantaggio, sommerge di gol e vince in casa (6-1) con il Bologna. La giornata si chiude con le vittorie, di misura 1-0, della Juventus in trasferta a Verona e della Lazio in casa con il Monza.

15° GIORNATA

Ultima giornata presa in esame. Partiamo dalla vetta dove il Napoli supera, in casa (3-2), anche l’Udinese. I partenopei, stavolta dopo aver dominato la gara complice la stanchezza, si rilassano e permetto ai friulani di segnare 2 reti, rendendo il finale della partita “non scontato” come al solito. Ma alla fine gli Azzurri resistono e concludono questa prima parte di Campionato, in testa alla Classifica!

Al secondo posto si posiziona il Milan, che vince, nel finale di recupero (2-1) sulla Fiorentina.

Sesta vittoria di fila, e senza subire gol, per la Juventus che batte in casa la Lazio (3-0).

Importante vittoria dell’Inter a Bergamo (2-3) contro l’Atalanta, mentre la Roma non va oltre   l’1-1 in casa (al 94′ minuto si rivede Dybala con il gol del pareggio), contro un buon Torino.

Vittorie in casa (3-0) del Monza sulla Salernitana e del Bologna sul Sassuolo, nel derby emiliano.

Negli scontri diretti salvezza, l’Empoli vince in casa sulla Cremonese (2-0); vince il Lecce a Genova con la Sampdoria (0-2) e vince lo Spezia (1-2) in casa del Verona ultimo in classifica.

Ora ci saranno i Mondiali, per il nostro racconto del Campionato di Serie A 2022/2023, diamo appuntamento a tutti alla ripresa, a Gennaio.

CLASSIFICA punti:

41: NAPOLI

33: MILAN

31: JUVENTUS

30: LAZIO e INTER

27: ATALANTA e ROMA

24: UDINESE

21: TORINO

19: FIORENTINA e BOLOGNA

17: SALERNITANA e EMPOLI

16: MONZA e SASSUOLO

15: LECCE

13: SPEZIA

7: CREMONESE

  6: SAMPDORIA

  5: VERONA 

In testa alla Classifica dei marcatori c’è, con: 9 Gol, VICTOR OSIMHEN (NAPOLI)

STATISTICHE PRINCIPALI dopo 15 giornate:

Il miglior rendimento casa-trasferta: NAPOLI (PUNTI: Casa: 22; Trasferta 19)

VITTORIE
Maggior numero: 13 NAPOLI
Minor numero: 0 CREMONESE

PAREGGI
Maggior numero: 7 CREMONESE
Minor numero: 0 INTER

SCONFITTE
Maggior numero: 12 VERONA
Minor numero: 0 NAPOLI

ATTACCO
Migliore: 37 GOL FATTI NAPOLI
Peggiore: 6 GOL FATTI SAMPDORIA

DIFESA
Migliore: 7 GOL SUBITI JUVENTUS
Peggiore: 29 GOL SUBITI VERONA

DIFFERENZA RETI
Migliore: +25 NAPOLI
Peggiore: -21 SAMPDORIA

Ringrazio tutti per l’attenzione e saluto alla mia maniera: Buon Campionato a Tutti!

Marco Migliorini

Fonte articolo “L’esodo Magazine” https://www.esodo.info/

Una squadra sola al comando: NAPOLI!

Il nostro racconto sul Campionato di Serie A, prosegue con l’analisi delle successive 4 giornate: dalla numero 8 alla numero 11 dove, al termine della stessa, in testa alla Classifica resta da solo, quota 29 punti, il NAPOLI.

8° GIORNATA:

La giornata numero 8 è caratterizzata dalla partita di “cartello”, in anticipo al sabato dello Stadio Meazza tra Inter e Roma. Vince la Roma (1-2) che, dopo un inizio in salita visto il vantaggio dei nerazzurri con Dimarco, pareggia con Dybala e sorpassa con la “solita testata di Smalling, ad un quarto d’ora dal termine. Quarta sconfitta, in 8 gare di Campionato, per gli uomini di Inzaghi che eguagliano il loro record negativo, in questo momento della stagione come nel 2011/12. I giallorossi tornano al successo contro l’Inter, cosa che non accadeva da febbraio del 2017, ed anche lì fu al Meazza.

Nelle altre gare di giornata, vincono in casa (3-1) il Napoli sul Torino e l’Atalanta (1-0) sulla Fiorentina. Nella parte alta della classifica, vincono (1-2) l’Udinese, “sorpresa” di questo inizio di stagione in trasferta a Verona; il Milan (1-3) “autoritario” ad Empoli e la Lazio, altro netto, dopo quello di Cremona, (4-0) allo Spezia in casa. Dopo la batosta di Monza, rialza la testa la Juventus che, in casa, supera (3-0) il Bologna. “Manata” (5-0) del Sassuolo, in casa contro la Salernitana. La netta sconfitta della Sampdoria, in casa (0-3) con il Monza, costa la panchina a Giampaolo, che sarà sostituito da vecchia conoscenza del calcio italiano, Dejan Stankovic. Chiude la giornata il pareggio per 1-1 tra Lecce e Cremonese.

9° GIORNATA:

La giornata numero 9, come l’ottava, parte di sabato con un big-match, sempre allo Stadio Meazza. Questa volta è il turno di Milan-Juventus. Vincono e convincono i rossoneri 2-0. Milan che “solo” momentaneamente, aggancia Napoli e Atalanta in testa alla Classifica. Dicevamo, vittoria convincente fatta di superiorità nel gioco e tante occasioni create, oltre ai 2 gol, uno per tempo, anche 3 legni! La Juventus non c’è ancora ed è lontana dalle zone di classifica che “di solito le competono”. Andando avanti nel racconto, la domenica ci dice che in testa alla classifica resta, da solo, il Napoli, visto il successo (1-4) in trasferta sul campo della Cremonese e il contemporaneo pareggio (2-2) in gara, molto divertente, tra Udinese e Atalanta. Vince in casa la Roma (2-1) contro il Lecce; festa rovinata dall’infortunio, proprio segnando il rigore decisivo per il risultato, di un determinate Dybala (in bocca al lupo a Lui).

Terzo successo consentivo per 0-4 della Lazio, questa volta ai danni della Fiorentina. Torna alla vittoria l’Inter (1-2) a Reggio Emilia contro il Sassuolo. Vincono, in casa, il Monza (2-0) allo Spezia e la Salernitana (2-1) sul Verona e la sconfitta porta all’esonero di Cioffi. In panchina, arriva Bocchetti. La giornata si chiude con i pareggi (per 1-1) tra Bologna-Sampdoria e Torino-Empoli.

10° GIORNATA:

La decima giornata è caratterizzata dal derby di Torino: vince la Juventus (0-1) con gol di Vlahovic al minuto numero 74. Vittoria “pesante”, la quarta del suo Campionato. Per la statistica: 12ma vittoria degli ultimi 14 derby in trasferta e 10 volte mantenendo la porta inviolata.

Nella parte alta della Classifica vincono: il Napoli, dopo una gara combattuta in casa, rete decisiva di Osimhen (3-2) contro il Bologna; l’Atalanta, dopo essere andata sotto, in rimonta (2-1) sul Sassuolo; il Milan (1-2) anche in questa occasione con rete decisiva di Tonali nel finale a Verona; la Roma, con un rigore di Pellegrini (0-1) a Genova con la Sampdoria e l’Inter, con un gol per tempo di Martinez e Barella (2-0) con la Salernitana.

Vista la classifica, la gara importante di giornata si chiude (0-0) tra Lazio e Udinese, dopo una partita intensa ed equilibrata.

L’Empoli vince in casa (1-0) contro il Monza, reduce da tre vittorie con l’avvento di Palladino in panchina.

Pareggi per 2-2 tra Spezia e Cremonese e 1-1 tra Lecce e Fiorentina.

11° GIORNATA:

Bisogna attendere le 20.45 di domenica per il “Big-match” di giornata: Roma-Napoli e l’altra gara di cartello per la classifica alle 18.00, Atalanta-Lazio.

Andando per ordine, si comincia di venerdì sera, con la netta vittoria in casa della Juventus (4-0) sull’Empoli. Assoluto protagonista Adrien Rabiot, autore di una doppietta. Il sabato calcistico comincia con la vittoria, di misura, della Salernitana (1-0) sullo Spezia. Si prosegue con le milanesi: ed entrambe vincono la loro gara. Il Milan (4-1) in casa nella “partita del cuore, visto il passato di Berlusconi e Galliani contro il Monza. L’Inter, dopo un finale “pirotecnico” (3-4) a Firenze con la Fiorentina. Gara bellissima e dalle mille emozioni! Arriviamo alla domenica, che si apre con la sorprendente vittoria (1-2) del Torino a Udine contro l’Udinese e prosegue con la vittoria del Bologna, in casa, (2-0) contro il Lecce.

Arriviamo quindi alle gare importanti: Atalanta-Lazio-0-2. Vittoria di una Lazio concreta, che gioca la gara in maniera intesa per 90 minuti, non facendo così esprimere e mai rendere pericolosa, la squadra bergamasca. Priva di Immobile, un gol per tempo di Zaccagni e Felipe Anderson, fissano il risultato.

Roma-Napoli (0-1). Vittoria Azzurra di un’importanza “capitale” e testa della classifica solitaria, a 29 punti. Gara equilibrata ed interpretata in maniera differente dalle squadre: il Napoli gioca bene e gioca sempre con la palla a terra (il Var nel primo tempo cancella un rigore). La Roma attende gli avversari e prova a ripartire, in contropiede, con vari strappi, soprattutto di Zaniolo. Al minuto numero 80, la gara viene sbloccata e vinta dal Napoli: palla lunga di Politano verso Osimhen, corpo a corpo con Smalling che soccombe al Suo strapotere fisico e non riesce a tenerlo, destro micidiale sul palo lontano e il portiere giallorosso è battuto. Complimenti al Napoli!

La giornata si chiude Lunedì con le vittorie (0-1) in trasferta della Sampdoria sul campo della Cremonese e del Sassuolo (2-1) in casa contro il Verona.

E’ sempre bella ed avvincente la Nostra Serie A avanti così e Buon Campionato a Tutti!

CLASSIFICA PUNTI dopo 11 giornate:

29: Napoli
26: Milan
24: Lazio e Atalanta
22: Roma
21: Udinese e Inter
19: Juventus
15: Sassuolo
14: Torino
13: Salernitana
11: Empoli
10: Bologna; Fiorentina e Monza
  9: Spezia
  8: Lecce
  6: Sampdoria
  5: Verona
  4: Cremonese

In testa alla Classifica dei marcatori, dopo 11 giornate, c’è con 7 Gol (di cui 3 su rigore) Marko Arnautovic (Bologna).

Marco Migliorini

Fonte articolo “L’esodo Magazine” https://www.esodo.info/

Comandano in 2: Napoli – Atalanta!

Il Campionato di Serie A – Stagione 2022-2023 è ripartito! Siamo arrivati alla settima giornata del girone di andata e nel nostro racconto, dopo aver analizzato – la scorsa volta – le prime quattro giornate, nella “puntata odierna” prendiamo in esame dalla quinta alla settima giornata dove, al termine di quest’ultima, sono in testa alla classifica 2 squadre, a quota 17 punti: NAPOLI e ATALANTA.

5° GIORNATA:

La giornata numero 5 è caratterizzata dal primato solitario in classifica (13 punti) dell’Atalanta, che va a vincere (0-2) in casa del Monza. L’altra squadra in testa alla classifica, insieme ai nerazzurri prima di questa giornata, era la Roma che perde “rovinosamente” (4-0), complice anche 2 gol regalati per due errori individuali, Karsdorp sul primo e Rui Patricio sul secondo, contro l’Udinese. Dopo il pareggio nella giornata precedente si riscatta il Napoli che batte 2-1 la Lazio a Roma. Il Milan lotta, combatte e vince (3-2) il derby contro l’Inter (alla seconda sconfitta in cinque gare) scavalcandoli anche in classifica. Per la statistica: i rossoneri vincono il secondo derby consecutivo in Serie A questo non accadeva dal 2011.

Vincono in casa il Torino (1-0) sul Lecce e il Verona (2-1) sulla Sampdoria. Gli altri risultati sono tutti pareggi fra cui l’1-1 tra la Fiorentina e Juventus, con i Viola che recriminano per le troppe occasioni fallite e, soprattutto, per il rigore sbagliato, a fine primo tempo, da Jovic. Chiudono lo 0-0 tra Cremonese e Sassuolo e il 2-2 tra Salernitana-Empoli e Spezia-Bologna.

6° GIORNATA:

Alla giornata numero 6 in testa vanno in 3 (14 punti). L’Atalanta, non oltre l’1-1 con la Cremonese in casa e si fa raggiungere in vetta dal Milan, che vince a Genova (2-1) contro la Sampdoria e dal Napoli che in casa vince (1-0), con gol al minuto numero 89 di Raspadori, contro lo Spezia. Vincono e sono subito dietro, la Roma (2-1) con Dybala che illumina con un gol e un assist per Abraham contro l’Empoli; l’Udinese (3-1) in rimonta a Reggio Emilia con il Sassuolo, in 10 uomini per tutto il secondo tempo; l’Inter (1-0) con “due assoluti protagonisti”, Brozovic segna e Handonovic para, in casa contro il Torino e la Lazio (2-0) in casa, un gol del “solito” Immobile e Luis Alberto.

Completano il quadro la vittoria (2-1) del Bologna, con Vigiani in panchina in sostituzione dell’esonerato Mihajlovic (un sentito in bocca al Lupo per la Sua Vita) sulla Fiorentina e il pareggio (1-1), con il “primo storico” punto in Serie A (in trasferta), per il Monza contro il Lecce.

Chiudiamo con Juventus-Salernitana. Il “rocambolesco” 2-2, dove succede di tutto da un recupero interminabile; un rigore sbagliato da Bonucci ribattuto in rete che vale il risultato finale; ma anche, sempre nel recupero, un gol di Milik, convalidato inizialmente dall’arbitro e annullato, forse (visto da altre prospettive di immagini) ingiustamente, dal VAR.

7° GIORNATA:

La giornata numero 7, è dei “3 big-match”. Andiamo con ordine. Il primo in ordine di orario nella “Domenica Italiana di Cacio moderno” c’è alle 12.30 ed è tra Udinese-Inter. L’Inter parte forte e dopo 5 minuti, Barella piazza una punizione sotto il sette. 0-1 Inter! I padroni di casa rispondono e grazie all’autogol di Skriniar, pareggiano e chiudono il primo tempo 1-1. Nella ripresa, l’Udinese esce alla distanza e nel finale di gara, si impone 3-1! Ottimo risultato per i friulani e complimenti a loro, soprattutto per il Secondo posto Classifica.

Alle 18, con il pubblico delle grandi occasioni, all’Olimpico c’è Roma-Atalanta. La Roma gioca e crea numerose occasioni ma non serve a nulla. Un tiro e gol di Scalvini al minuto numero 35, basta per la vittoria e il Primo posto in Classifica dei nerazzurri 0-1!

Alle 20.45 arriva Milan-Napoli. Primo tempo equilibrato e ben giocato da entrambe le parti, con il Milan vicino al gol più volte. Nella ripresa, il risultato si tinge di azzurro grazie ai gol di Politano su rigore, al momentaneo pareggio di Giroud e al gol vittoria, a 6 minuti dalla fine, di Simeone. 1-2 Napoli e Primo posto in Classifica!

Dopo le tre partite principali, la giornata odierna si completa: la Storica Prima Vittoria in Serie A del Monza (1-0) alla Juventus! Sulla panchina del Monza (un ex calciatore juventino) da questa partita Raffaele Palladino. Per la statistica: l’unica squadra ad aver ottenuto il suo primo successo in Serie A contro la Juventus prima del Monza, è stato il Catanzaro. La giornata si completa con le vittorie esterne dalla Lazio (0-4) con la Cremonese; dell’Empoli (0-1) a Bologna; del Lecce (1-2) con la Salernitana (punti pesanti in ottica salvezza) e del Sassuolo (0-1) contro Torino. Vincono in casa la Fiorentina, che non vinceva dalla prima giornata, (2-0) col Verona e lo Spezia (2-1) contro la Sampdoria, ultima in classifica insieme alla Cremonese, con solo 2 punti.

CLASSIFICA dopo 7 giornate:

17 PUNTI: NAPOLI e ATALANTA

16 PUNTI: UDINESE

14 PUNTI: LAZIO e MILAN

13 PUNTI: ROMA

12 PUNTI: INTER

10 PUNTI: JUVENTUS e TORINO

  9 PUNTI: FIORENTINA e SASSUOLO

  8 PUNTI: SPEZIA

  7 PUNTI: SALERNITANA e EMPOLI

  6 PUNTI: LECCE e BOLOGNA

  5 PUNTI: VERONA

  4 PUNTI: MONZA

  2 PUNTI: CREMONESE e SAMPDORIA

In testa alla Classifica dei marcatori, dopo 7 giornate, c’è con 6 Gol (di cui 2 su rigore) Marko Arnautovic (Bologna).

Divertiamoci ancora… Buon Campionato a Tutti!

Marco Migliorini

Fonte articolo “L’esodo Magazine” https://www.esodo.info/

L’attesa è finita! Si ricomincia… Dopo la 4 giornata in testa la DEA e la ROMA!

Anche quest’anno dopo una breve e consueta pausa estiva – vista la disputa del Mondiale in Qatar che parte il 20 Novembre e termina il 18 Dicembre 2022 – ricomincia il 13 Agosto 2022 e termina il 4 Giugno 2023 la nostra “cara e amata” Serie A 2022-2023 giunta alla 121° edizione la 91° a girone unico.

Tornano il Serie A il Lecce vincitore della scorsa edizione del Campionato di Serie B, dopo 26 anni di assenza la Cremonese e per la prima volta parteciperà dopo aver vinto i play-off il Monza.

Come lo scorso anno (per la seconda volta) non ci sarà simmetria tra il girone di andata e di ritorno con la partita di ritorno tra due squadre che non potrà essere disputata a meno di 8 partite di distanza da quella dell’andata.

La giornata di Campionato sarà così suddivisa:

Sabato con 3 gare: (orari 15:00 – 18:00 – 20.45)

Domenica con 6 gare: (orari 12:30 – 3 partite 15:00 – 18:00 – 20.45)

Lunedì con l’ultima partita alle 20.45.

La novità più importante della stagione 2022-23 è il ritorno in caso di arrivo a pari punti per l’assegnazione dello Scudetto e per l’ultimo posto Salvezza dello spareggio che si giocherà in campo neutro e in gara secca. In caso di parità al 90esimo ci saranno subito i calci di rigore.

Cominciamo dunque il nostro racconto con le prime 4 giornate che ci dicono:

1° GIORNATA:

Si parte! Prima partita con l’esordio dei Campioni d’Italia del Milan che dopo essere andati sotto e combattere nel primo tempo battono una buona Udinese 4-2.

Per rispondere al Milan in ordine entrata nel torneo vinceranno per la prima volte tutte le prime 8 classificate della stagione precedente e non ci sono dunque pareggi non accadeva da 51 anni!

l’Atalanta “in maniera semplice” 2-0 sulla Sampdoria; l’Inter soffrendo all’ultimo minuto 2-1 a Lecce; la Lazio dopo essere andata sotto di un uomo (espulso il portiere Maximiano) e sotto nel punteggio rimonta 2-1; la Fiorentina anch’essa all’ultimo respiro 3-2 con la Cremonese; la Roma 1-0 alla Salernitana; il Napoli con un “roboante” 5-2 a Verona e infine la Juventus che si “sbarazza” 3-0 del Sassuolo. Completano il quadro la vittoria del Torino 2-1 a Monza e l’1-0 dello Spezia sull’Empoli.

2° GIORNATA:

Alla Seconda giornata restano a punteggio pieno (6 punti) in 3: Napoli; Inter e Roma che si impongono tutte e 3 in casa.

Agevolmente il NAPOLI 4-0 al MONZA e l’INTER 3-0 allo SPEZIA; deve sudare e combattere ma alla fine vince la ROMA 1-0 su una ancora “ottima come all’esordio” CREMONESE.

Vince 1-0 il SASSUOLO sul LECCE e poi solo pareggi: 2 1-1 tra ATALANTA-MILAN e BOLOGNA-VERONA e 4 0-0 tra EMPOLI-FIORENTINA; SAMPDORIA-JUVENTUS; TORINO-LAZIO e UDINESE-SALERNITANA.

3° GIORNATA:

Alla Terza giornata 3 “big-match” e nessuna squadra a punteggio pieno (non accadeva dalla stagione 2010/2011) ma ben 6 squadre a (7 punti): NAPOLI-MILAN-LAZIO-ATALANTA-TORINO e ROMA.

Come dicevamo gare importanti con 2 pareggi 1-1 tra JUVENTUS-ROMA (con Dybala per la prima da avversario suo l’assist per gol del pareggio di Abraham che risponde al “solito Vlahovic) e 0-0 tra FIORENTINA-NAPOLI e la vittoria 3-1 della LAZIO sull’INTER.

Vincono il MILAN 2-0 sul BOLOGNA; il TORINO e l’UDINESE 2-1 rispettivamente sulla CREMONESE e il MONZA (ancora a 0 punti); 1-0 l’ATALANTA in trasferta a VERONA (alla seconda sconfitta in casa) e 4-0 la SALERNITANA sulla SAMPDORIA. Completano i risultati della giornata i pareggi 1-1 tra LECCE-EMPOLI e 2-2 tra SPEZIA-SASSUOLO.

4° GIORNATA:

Alla Quarta giornata priva di incontri di “cartello” ci racconta delle vittorie interne con annesso Primo Posto in Classifica di ATALANTA e ROMA!

L’ATALANTA dopo aver sofferto un po’ si dimostra sempre una squadra “tosta” e una Tripletta e “pallone a casa” di Koopmeiners.ATALANTA-TORINO-3-1.

La ROMA in casa con MONZA gioca e dopo un inizio di studio ed equilibrato arrivano i primi 2 gol di Dybala in maglia giallorossa (100 totali in SERIE A). ROMA-MONZA-3-0.

Il MILAN non è il solito Milan in trasferta contro il SASSUOLO e deve ringraziare il Suo portiere Maignan che para un rigore a Berardi. SASSUOLO-MILAN-0-0.

Anche il NAPOLI in casa con il LECCE ringrazia il Suo portiere Meret per il rigore parato a Colombo, tirato 2 volte per fischio partito dagli spalti confuso dall’attaccante per il fischio arbitrale. A nulla serve il forcing finale degli azzurri. NAPOLI-LECCE-1-1.

Alla LAZIO non basta il solito gol “manco a dirlo” di Immobile per aver ragione della SAMPDORIA a Genova. All’ultimo respiro ci pensa Gabbiadini a ristabilire la parità. SAMPDORIA-LAZIO-1-1.

In casa vincono la loro partita l’INTER 3-1 sulla CREMONESE; la JUVENTUS 2-0 allo SPEZIA e l’UDINESE 1-0 sulla FIORENTINA.

I risultati di giornata si chiudono con 2 pareggi per 1-1 tra BOLOGNA-SALERNITANA ed EMPOLI-VERONA.

CLASSIFICA dopo 4 giornate:

10 PUNTI: ATALANTA e ROMA

  9 PUNTI: INTER

  8 PUNTI: NAPOLI; JUVENTUS; MILAN e LAZIO

  7 PUNTI: TORINO e UDINESE

  5 PUNTI: SALERNITANA; FIORENTINA e SASSUOLO

  4 PUNTI: SPEZIA

  3 PUNTI: EMPOLI

  2 PUNTI: LECCE; BOLOGNA; VERONA e SAMPDORIA

  0 PUNTI: CREMONESE e MONZA

In testa alla Classifica dei marcatori dopo 4 giornate ci sono Koopmeiners (Atalanta) e Vlahovic (Juventus).

Vi saluto a modo mio… si ricomincia, divertiamoci e Buon Campionato a Tutti!

Marco Migliorini

Fonte articolo “L’esodo Magazine” https://www.esodo.info/

Calciomercato

Sessione estiva di Calciomercato – Inizio: 1 Luglio 2022 e Termina: alle ore 20.00 del 1 Settembre 2022.

Analizziamo quali sono stati i movimenti di mercato come si sono rinforzate, “le Principali Squadre in base al campionato scorso” della Serie A 2022/2023 per provare sempre a centrare l’obiettivo prefissato: VINCERE soprattutto lo SCUDETTO o eventualmente partecipare la prossima stagione alle Coppe Europee (Champions in testa).

MILAN: SONO LA SQUADRA DA BATTERE! I Campioni d’Italia del MILAN che prendono, vista la partenza di Kessié a centrocampo, il giovane e di sicuro avvenire DE KETELARE oltre ad ADLI con il ritorno dal prestito al Torino POBEGA e con gli ultimi 3 colpi in difesa THIAW – DEST e a centrocampo VRANCKX. In un attacco già consolidato aggiungo ORIGI. SVINCOLATO: Romagnoli.

INTER: LUKAKU! Questo è il colpo che torna in prestito dal Chelsea per riformare la “famosa LULA” con Lautaro Martinez e per provare a “scucire” lo scudetto ai Cugini.

Saluta Ranocchia; Vecino; Perisic; Vidal; Sanchez e Pinamonti accoglie il portiere di riserva ONANA oltre a ASLLANI; BELLANOVA; MKHITARYAN e l’ultimo giorno di mercato ACERBI.

JUVENTUS: COLPI DI ESPERIENZA E GRANDE QUALITA’! Che dire……POGBA; DI MARIA; PAREDES; KOSTIC e MILIK.

In difesa l’arrivo di BREMER che dovrà sostituire la “Bandiera” Chiellini e GATTI.

Partenze dolorose di De Ligt; Bernardeschi; Morata ma anche nell’ultimo giorno Arthur e Zakaria. Non dimentichiamo il non rinnovo contrattuale di Dybala.

NAPOLI: RIVOLUZIONE MA CHE MERCATO! Salutano: Ospina – Koulibaly – Ghoulam – Malcuit – Fabian Ruiz – Ounas – Insigne – Mertens e Petagna. Arrivano: SIRIGU – KIM – OSTIGARD – OLIVEIRA – NDOMBELE – KVARATKHELIA – SIMEONE e RASPADORI.

ROMA: DYBALA! Non rinnova con la Juventus e arriva alla corte di Jose Mourinho DYBALA insieme al portiere SVILAR al difensore CELIK; ai centrocampisti MATIC – WIJNALDUM (si frattura la tibia prima della seconda giornata sarà a disposizione nel 2023). Inoltre negli ultimi giorni mette sotto contratto lo svincolato dal Torino BELOTTI e il centrocampista CAMARA.

LAZIO: DA VEDERE MAI SOTTOVALUTARLA! Acquisti: MAXIMIANO; PROVEDEL; CASALE; ROMAGNOLI; GILA; MARCOS ANTONIO; VECINO e CANCELLIERI. Cessioni: Strakosha e Reina; Luiz Felipe; Acerbi e Lucas Leiva.

FIORENTINA: JOVIC! Acquisti: GOLLINI; DODO; MANDRAGORA; BARAK e soprattutto il colpo JOVIC. Cessioni: Dragowski; Pulgar; Torreira, Callejon e Piaket.

ATALANTA: SI CONFERMA SEMPRE! Acquisti: OKOLI; EDERSON; LOOKMAN; SOPPY e HOJILUND. Cessioni: Gollini; Carnesecchi; Romero; Miranchuk; Pessina; Freuler; Piccoli. SVINCOLATO: Ilicic.

Chi si è mosso meglio? Solo il campo emetterà i verdetti…

Marco Migliorini

Fonte articolo “L’esodo Magazine” https://www.esodo.info/

L’Italia Femminile ai Campionati Europei 2022

Lo scorso anno ci sono stati i Campionati Europei di Calcio maschili; quest’anno tocca alle Nostre Azzurre!

Come quelli maschili rinviati di un anno a causa della pandemia da COVID-19 – dovevano disputarsi nel 2021– e anche del rinvio dell’edizione XXXII dei Giochi Olimpici per evitare sovrapposizioni l’UEFA decide che la 13esima edizione del Campionato Europeo di Calcio Femminile che si gioca in Inghilterra dal 06 al 13 Luglio 2022 con 16 Nazionali partecipanti.

Per via della guerra Russo-Ucraina l’UEFA il 28 Febbraio 2022 sospende le squadre sportive Russe dalle competizioni internazionali e successivamente il 2 Maggio esclude la Russia dalla competizione assegnando alla nazionale femminile del Portogallo il posto lasciato.

Il Torneo si articola con una Fase a girone: 4 Gruppi A-B-C-D composti da 4 squadre che si affronteranno. Passano alla fase successiva (eliminazione diretta) Quarti di Finale le prime 2 classificate di ciascuno dei 4 Gruppi.

GRUPPO A: INGHILTERRA – AUSTRIA – NORVEGIA – IRLANDA DEL NORD

GRUPPO B: GERMANIA – SPAGNA – FINLANDIA – DANIMARCA

GRUPPO C: PORTOGALLO – SVIZZERA – PAESI BASSI – SVEZIA

GRUPPO D: FRANCIA – ISLANDA – BELGIO – ITALIA

Dunque la Nostra Nazionale Italiana, guidata in panchina da Milena Bertolini fa parte come detto del Gruppo D.

La rosa delle 23 convocate: PORTIERI: 1 Laura Giuliani, 12 Katia Schroffenegger, 22 Francesca Durante. DIFENSORI: 2 Valentina Bergamaschi, 3 Sara Gama (Capitano), 5 Elena Linari, 13 Elisa Bartoli, 15 Maria Luisa Filangeri, 16 Lucia Di Guglielmo, 17 Lisa Boattin, 23 Martina Lenzini. CENTROCAMPISTI: 4 Aurora Galli, 6 Manuela Giugliano, 7 Flaminia Simonetti, 8 Martina Rosucci, 18 Arianna Caruso, 21 Valentina Cernoia. ATTACCANTI: 9 Daniela Sabatino, 10 Cristiana Girelli, 11 Barbara Bonansea, 14 Agnese Bonfantini, 19 Valentina Giacinti, 20 Martina Piemonte.

Un grosso e sentito in bocca al lupo a loro!! GIRL POWER!!!

Raccontiamo ora il loro cammino.

La gara d’esordio: Esordio amarissimo.

10 Luglio 2022: FRANCIA – ITALIA – 5-1 (9° Geyoro; 12° Katoto; 38° Cascarino; 40°e 45° Geyoro; 76° Piemonte)

Debutto della Nostra Nazionale contro la Francia nell’Europeo Femminile.

La Formazione scelta dal Commissario Tecnico Bertolini è la seguente: modulo 4-3-3 con Giuliani in Porta; Bartoli-Linari-Gama-Boattin in Difesa; Galli-Giuliano-Caruso a Centrocampo e Bergamaschi-Girelli-Bonansea in Attacco.

Da registrare la defezione di Valentina Cernoia causa Covid.

Squadre in campo Inni nazionali e si parte!!

Pronti via e dopo un inizio aggressivo della Francia e un miracolo del portiere francese su Bonansea ecco al minuto 9 il vantaggio transalpino 1-0 con Geyoro lesta ad approfittare di una respinta del Capitano Gama. Passano 4 minuti ed è 2-0 Francia con un tiro facile di Katoto dopo una palla non trattenuta dal portiere Giuliani. Come inizio “non c’è male” la Francia domina e l’Italia fatica a prendere le misure. Palo al 17esimo di Katoto e al minuto numero 37 arriva in 3-0 con un diagonale preciso di Cascarino. Minuto numero 41 e ancora Geyoro salta Giuliani e infila la porta azzurra 4-0. Un incubo che non finisce perché al minuto 45 ancora Geyoro segna ancora e sono 3 per Lei e 5-0 per la Francia! Primo tempo da dimenticare; c’è un abisso fra le due squadre sia tecnico che fisico.

Secondo tempo di controllo per le giocatrici francesi. L’Italia che rischia di rimanere in 10 per una entrata scomposta del Capitano Gama l’arbitro la espelle ma il VAR appunto annulla l’espulsione e resta in 11 trovando il gol della “bandiera e orgoglio” con Piemonte al minuto 76 di testa appena entrata (passati 2 minuti dal suo ingresso) in sostituzione di Caruso 5-1.

Dopo 6 minuti di recupero finisce la gara! FRANCIA-ITALIA-5-1!

Con dominio della Francia e l’Italia che spera di rifarsi e lo speriamo anche Noi nella prossima gara. FORZA AZZURRE!!!

Per dovere di cronaca nell’altra partita del Gruppo D: BELGIO-ISLANDA 1-1.

Da non sbagliare…per tener vive le speranze.

14 Luglio 2022: ISLANDA – ITALIA – 1-1 (3° Vilhjalmsdottir; 62° Bergamaschi)

Dopo la prima gara del girone andata come tutti sappiamo con una “sonora” ad opera della Francia l’Italia affronta l’Islanda nella seconda partita del girone con D con un solo obbiettivo: VINCERE e la prossima gara con il Belgio per proseguire la loro avventura nella competizione. Il tecnico Bertolini effettua qualche cambio rispetto alla prima gara anche per aumentare la qualità in fase offensiva.

L’11 inziale recita: modulo 4-4-2 con Giuliani in Porta; Di Guglielmo-Linari-Gama-Boattin in Difesa; Bergamaschi-Simonetti-Rosucci-Caruso a Centrocampo e Piemonte-Giacinti in Attacco.

Squadre in campo Inni nazionali e si parte!!

Pronti, via e purtroppo dopo 3 minuti Islanda in vantaggio. Punizione palla in mezzo e  Vilhjalmsdottir che ne approfitta nella mischia. 1-0 dunque. Passa qualche minuto e l’Islanda pericolosa ma questa nulla da fare. L’Italia piano piano comincia il suo gioco palla a terra ma non riesce a concretizzare e il primo tempo si chiude con il vantaggio delle Islandesi.

Comincia la ripresa il Tecnico attinge dalla panchina facendo entrare Bonansea; Girelli e Bartoli per Caruso; Piemonte e Gama. L’Islanda va vicina al raddoppio ma al minuto numero 62 è l’Italia a trovare il gol del pari con Bergamaschi servita al centro da Bonansea con un cross basso dalla sinistra. 1-1 e si riparte. Tre occasioni per Bonansea in una trova il palo e una occasione anche Simonetti con un tiro al volo ma niente da fare.

Dopo 3 minuti di recupero finisce la gara! ISLANDA-ITALIA-1-1!

Dopo lo svantaggio iniziale nella ripresa assistiamo a un dominio dell’Italia che però non va oltre il pari e così nella prossima gara la qualificazione non dipenderà solo da Noi: bisogna battere il Belgio e sperare che l’Islanda non batta la Francia. FORZA AZZURRE!!!

Per dovere di cronaca nell’altra partita del Gruppo D: FRANCIA-BELGIO 2-1.

Dentro o Fuori……

18 Luglio 2022: BELGIO – ITALIA – 1-0 (49° De Caigny)

Arriviamo dunque all’ultima partita della nostra Nazionale con ancora “qualche speranza” di passaggio ai quarti di finale di questo Europeo. Bisogna vincere e questo è scontato e bisogna sperare che l’Islanda non batta la Francia nell’altra gara conclusiva del Gruppo D.

Tutti ci aspettiamo una gara determinata e con la giusta cattiveria per raggiungere l’obiettivo.

Formazioni in campo con l’11 inziale per il C.T. Bertolini: modulo 4-4-1-1 con Giuliani in Porta; Di Guglielmo-Linari-Bartoli-Boattin in Difesa; Bergamaschi-Simonetti-Rosucci-Giugliano a Centrocampo; Bonansea alle spalle della punta Girelli oggi Capitano.

Si comincia e la prima conclusione è di Girelli ma il portiere c’è. 5 minuto e la notizia buona arriva ma dall’altro campo la Francia è avanti con l’Islanda. Adesso vinciamo la nostra! L’Italia però invece di avanzare indietreggia e il Belgio si fa pericoloso e guadagna campo. A metà tempo comunque si va a “fiammate” e nel finale due occasioni azzurre con Giugliano e Bonansea ma nulla di fatto. Dopo 2 minuti di recupero alla fine del Primo tempo è 0-0.

Secondo tempo ed è subito “doccia fredda”. Punizione Belgio palla vagante in area di rigore, non spazzata dalle nostre e De Caigny con un tiro in diagonale batte Giugliano 1-0.

Ora si fa dura; l’Italia però è anche sfortunata con la traversa di Girelli. Serve ora il massimo sforzo ci prova Bonansea ma niente. Occasioni per Bonfantini, Caruso e Giacinti.

L’Italia ci prova fino alla fine ma non arriva nemmeno il pareggio e dopo 7 minuti di recupero finisce la gara BELGIO-ITALIA-1-0!

Così l’Italia esce mestamente dalla competizione Europea. Troppo forte la Francia e con Islanda e Belgio sicuramente poteva e doveva andare meglio, peccato davvero per le nostre ragazze! GRAZIE COMUNQUE RAGAZZE!!!

Per dovere di cronaca nell’altra partita del Gruppo D: ISLANDA-FRANCIA 1-1.

CLASSIFICA FINALE GRUPPO D

1 – FRANCIA   7 PUNTI (QUALIFICATA)

2 – BELGIO     4 PUNTI (QUALIFICATA)

3 – ISLANDA   3 PUNTI (ELIMINATA)

4 – ITALIA        1 PUNTI (ELIMINATA)

Marco Migliorini

Fonte articolo “L’esodo Magazine” https://www.esodo.info/

19 volte Milan campione d’Italia

Il 22 Maggio 2022, la 120esima edizione Serie A 2021-2022 del Campionato Italiano di Calcio, 90esima a girone unico, si è dunque conclusa.
Il Milan vince il Suo 19esimo Scudetto e si laura CAMPIONE D’ITALIA, dopo 11 anni!
All’Inter, seconda a 2 soli punti, vanno, come si dice “l’onore delle armi”, e, comunque, gli altri 2 Trofei Nazionali: la Supercoppa e la Coppa Italia (di cui parleremo).
Campionato combattuto fino all’ultima giornata, visto che il Milan si è presentato con soli 2 punti di vantaggio sui “cugini” Nerazzurri.

Complimenti al Milan con i suoi 86 punti finali (42 nel girone d’andata e 44 nel girone di ritorno).
Questa è la formazione tipo del MILAN Tricolore (modulo 4-2-3-1) Portiere: MAIGNAN – Difensori: CALABRIA; KALULU; TOMORI; THEO HERNA’NDEZ – Centrocampisti: TONALI; KESSIE’; – Trequartisti: SAELEMAEKERS; BRAHIM DIAZ; LEAO – Attaccante: GIROUD. La rosa è inoltre composta anche dai Portieri: TATARUSANU e MIRANTE; Difensori: ROMAGNOLI; BALLO-TOURE’; KJAER; FLORENZI E GABBIA – Centrocampisti: BENNACER; JUNIOR MESSIAS; KRUNIC E BAKAYOKO – Attaccanti: IBRAHIMOVIC; CASTILLEJO; REBIC; LAZETIC E MALDINI.

Cominciamo quindi a raccontare la fine della Storia di questo Campionato. Alla penultima giornata (la numero 37) ci sono i primi verdetti nella zona retrocessione. Il Venezia è in Serie B senza giocare, visto il pareggio (1-1) tra Empoli e Salernitana. Nonostante tutto, difendere lo 0-0 “con le unghie e con i denti” all’Olimpico con la Roma, non basta!
La seconda retrocessa in Serie B (dopo 15 anni consecutivi di militanza) è il Genoa, che perde 3-0 contro il Napoli al “Maradona”, nel giorno dell’addio di Insigne al Napoli. Nello stesso turno si ha anche la certezza matematica della salvezza per lo Spezia, che vince 2-3 a Udine con l’Udinese e della Sampdoria, che vince nettamente 4-1 con la Fiorentina.
In zona Europa, certe le qualificazioni alla prossima Champions League di Napoli e la Juventus manca “l’altra Europa”. Si qualifica in Europa League la Lazio, che alla giornata numero 37, pareggia 2-2 a Torino contro la Juventus, nella gara del saluto di Chiellini e Dybala ai colori bianconeri.
Per quanto riguarda gli altri risultati, la corsa allo Scudetto dice che il distacco di 2 punti rimane inalterato e per l’assegnazione viene tutto rimandato all’ultima giornata! Il Milan vince (2-0) con l’Atalanta e l’Inter vince (1-3) a Cagliari con il Cagliari. Nella lotta per non retrocedere, anche qui rimane un discorso a 2, nell’ultima giornata, tra la Salernitana e il Cagliari.

ULTIMA GIORNATA (n° 38) I VERDETTI DEFINITIVI
Partiamo ovviamente con il discorso Scudetto. Al Mapei Stadium – Città del Tricolore (Reggio Emilia) – il Milan, padrone del Suo destino, non sbaglia e vince contro il Sassuolo per 0-3 (in gol con Giroud 17’ e 32’ e Kessié 36). Per i rossoneri, basta un primo tempo “stellare” e una ripresa di controllo, per raggiungere l’obiettivo. 19esimo Scudetto – 86 Punti!
Dunque, a nulla serve il 3-0 dell’Inter in casa contro la Sampdoria che regge, comunque, un tempo, ma questo si chiedeva agli uomini di Inzaghi per non avere ulteriori rimpianti. È Seconda!
Il Napoli è terzo: 3-0 in trasferta con lo Spezia già salvo.
La Juventus è quarta, sconfitta in quest’ultima giornata, dalla Fiorentina, a Firenze per 2-0. I Viola vincono al Franchi contro la Juventus, ciò non accadeva da gennaio 2017 e da settimi in Campionato, tornano in Europa (Conference League) dove mancavano da 5 anni!
La Lazio pareggia in casa 3-3 con il Verona ed è quinta in classifica. Vince la Roma (0-3) in casa del Torino e, sesto posto in Campionato con conseguente qualificazione, come la Lazio, alla prossimo Europa League.
L’Atalanta perde in casa (0-1) con l’Empoli e si qualifica al settimo posto. Nella gestione Gasperini, è il peggior risultato in termini di punti 59 e, per la prima volta, è fuori dall’Europa.
Il Genoa, che aveva salutato la Serie A la settimana scorsa, perde in casa (0-1) con il Bologna.
Arriviamo all’ultima retrocessione. Nonostante la disfatta (0-4) contro l’Udinese, la Salernitana, dopo una fantastica rimonta nel girone di ritorno, si salva! Si racconta dell’ennesimo miracolo dell’allenatore Nicola lo specialista, vi ricordate il Crotone 5 anni fa? La terza retrocessa è, dunque, il Cagliari che, obbligato a vincere contro il Venezia già retrocesso, non va oltre 0-0 e retrocede in Serie B dopo sei anni.

Ora un po’ di numeri:
• MILAN: Maggior numero di vittorie (26); minor numero di sconfitte con l’INTER (4). Miglior difesa con il NAPOLI (31 gol subiti).
• GENOA: Maggior numero di pareggi (16); minor numero di vittorie (4); peggior attacco (27 gol fatti).
• VENEZIA: Maggior numero di sconfitte (23).
• FIORENTINA: Minor numero di pareggi (5).
• INTER: Miglior attacco (84 gol fatti) e miglior differenza reti (+52).
• SALERNITANA: Peggior difesa (78 gol subiti) e peggior differenza reti (-45).

Classifica Serie A 2021-2022:
86 Punti: MILAN (a)
84 Punti: INTER (b)
79 Punti: NAPOLI (b)
70 Punti: JUVENTUS(b)
64 Punti: LAZIO (c)
63 Punti: ROMA (c)
62 Punti: FIORENTINA (d)
59 Punti: ATALANTA
53 Punti: VERONA
50 Punti: TORINO
50 Punti: SASSUOLO
47 Punti: UDINESE
46 Punti: BOLOGNA
41 Punti: EMPOLI
36 Punti: SAMPDORIA
36 Punti: SPEZIA
31 Punti: SALERNITANA
30 Punti: CAGLIARI (e)
28 Punti: GENOA (e)
27 Punti: VENEZIA (e)

a – CAMPIONE D’ITALIA e UEFA CHAMPIONS LEAGUE
b – UEFA CHAMPIONS LEAGUE
c – UEFA EUROPA LEAGUE
d- PRELIMINARI UEFA CONFERENCE LEAGUE
e – RETROCESSE IN SERIE B

Classifica Capocannoniere della Serie A 2021-2022:
27 gol: Immobile (Lazio)
23 gol: Vlahovic (17 Fiorentina e 7 Juventus)
21 gol: Lautaro Martinez (Inter)

Anche quest’anno, ci siamo divertiti e appassionati con il nostro amato gioco del Calcio.
La stagione 2021-2022 va in archivio con, ancora, complimenti al Milan!
La caccia al “Diavolo” partirà ad Agosto. Arrivederci a presto…

Marco Migliorini

Fonte articolo “L’esodo Magazine” https://www.esodo.info/

Inter Coppa Italia

La Coppa Italia 2021-2022, denominata in occasione dai Sedicesimi di Finale, Coppa Italia Frecciarossa. E’ stata la 75ª edizione della manifestazione calcistica.

Iniziata il 7 agosto 2021, si è conclusa il 11 Maggio 2022, con la Finale allo Stadio Olimpico di Roma. Davanti a 68.000 spettatori si contendono il Trofeo: JUVENTUS-INTER. I Bianconeri sono i detentori del Trofeo e vanno alla caccia del 15esimo trionfo.

I Nerazzurri non vincono la manifestazione dal 2011 e cercano la loro 8a affermazione.

Dopo l’Inno Nazionale cantato da Arisa queste le formazioni in Campo:
JUVENTUS (Modulo 4-4-2): PERIN – DANILO; de LIGT; CHIELLINI; ALEX SANDRO – CUADRADO; ZAKARIA; RABIOT; BERNARDESCHI – DYBALA; VLAHOVIC.
INTER (Modulo 3-5-2): HANDANOVIC – SKRINIAR; de VRIJ; D’AMBROSIO – DARMIAN; BARELLA; BROZOVIC; CHALHANOGLU; PERISIC – LAUTARO MARTINEZ; DZEKO.

Bellissima atmosfera e andiamo ora nel racconto del match.
Primo Tempo. Dopo una breve fase di studio è l’lnter a sbloccare subito la partita, 6 minuti dopo, con un calcio d’angolo, Brozovic passa a Barella che converge al centro dell’aria e, dal limite, fa partire un destro a giro che infila Perin. Juventus-Inter 0-1. Con questo risultato si va al riposo con l’lnter in controllo e la Juventus che crea occasioni, ma non concretizza.

Secondo Tempo. Cinque minuti (50esimo) e la Juventus pareggia la contesa. Vlahovic in area, il suo tiro è deviato da D’Ambrosio e la palla arriva ad Alex Sandro che, dal limite, fulmina Handanovic, che forse non vede partire la palla (sulla stessa in traiettoria c’è Morata). Juventus-Inter 1-1. Due minuti (52esimo) e la Juventus la ribalta! Dybala lancia Vlahovic ancora Lui il protagonista, si libera di D’Ambrosio e tira Handanovic in uscita para la palla che però rimpalla sul bianconero che, dopo averla controllata, la mette in porta. Juventus-Inter 2-1. Girandola di sostituzioni e, al minuto 80, Dumfries mette in mezzo una palla sul secondo dove c’è Perisic che, la sponda in mezzo per Lautaro Martinez, che la controlla ma non tira, visto il contatto di Bonucci. È rigore per l’Inter, secondo l’arbitro. Chalhanoglu dal dischetto. Botta potente e gol! Juventus-Inter 2-2. Altra girandola di sostituzioni e dopo 5 minuti di recupero, l’arbitro fischia la fine. I tempi regolamentari non bastano ad assegnare il Trofeo: Juventus-Inter 2-2.

Primo Tempo Supplementare: (minuto 95) ancora Dumfries fa la sponda per De Vrij che, a contatto con De Ligt, cade in area. L’arbitro non vede nulla, ma viene richiamato dal VAR, verifica e assegna il secondo rigore all’Inter. Dal dischetto si presenta Perisic e sbaglia! Juventus-Inter 2-3. (minuto 102) Dimarco “fonda” e guadagna il fondo, serve in mezzo l’accorrente Perisic che, con il suo destro, manda la palla all’incrocio dei pali, la palla non prende! Perin è battuto ancora. Juventus-Inter 2-4. Con questo risultato si chiude il primo tempo supplementare.

Secondo Tempo Supplementare: l’Inter in controllo, la Juventus “non reagisce” e la contesa, dopo 2 minuti di recupero, si conclude.

L’Inter vince l’ottava COPPA ITALIA della sua Storia diventando anche la terza squadra con più vittorie dopo la JUVENTUS (14) e la ROMA (9).
Salutiamo la COPPA ITALIA in viaggio per Milano e, anche qui, diamo appuntamento alla prossima stagione!

Marco Migliorini

Fonte articolo “L’esodo Magazine” https://www.esodo.info/